Storia del Paese
Breve storia delle origini del Comune di Cavaria con Premezzo (Tratto dal libro "Cavaria con Premezzo" di Vittorio Macchi, Macchione Editore).

Il primo nucleo abitato di Cavaria di cui si ha testimonianza è un monastero di suore benedettine di cui non si conosce con esattezza l'anno di fondazione. Le testimonianze sono tratte in un documento del 1200 contenente l'elenco delle chiese dell'Alto Milanese, redatto dal Canonico di Rovello Goffredo da Bussero.
Il primo documento in cui è citato Premezzo risale all'anno 976 d.c. e consiste in una pergamena conservata nell'Archivio Capitolare di Novara.
Nel documento del  canonico di Rovello Goffredo da Bussero è citata la Chiesa di S.Antonino a Premezzo.
Premezzo ebbe una autonomia civica distinta da quella ecclesiastica nel 1700 sotto la dominazione degli austriaci. Dal 1796 al 1814 durante l'occupazione francese "la Comune" (come si diceva allora) di Premezzo fu assegnata al dipartimento di Olona, Distretto Quarto di Gallarate, Cantone primo.
Nel 1800, sotto l'Austria, e dopo il 1861, con il Regno d'Italia, il Comune mantenne la propria autonomia fino al 1872, anno in cui fu aggregato al Comune di Orago e Uniti, a causa dello scarso numero di abitanti.
Cavaria a quel tempo faceva già parte del Comune di Orago e Uniti.
Nel 1892 a seguito di distaccamento da Orago, il Comune divenne Cavaria ed Uniti (formato dalle frazioni Cavaria e Premezzo).
Nel 1926 con la creazione della Provincia di Varese il Comune assunse la denominazione attuale di Cavaria con Premezzo.
Alla costituzione del Comune di Cavaria ed Uniti rimase il Sindaco Francesco Curioni.
Nel 1903 viene eletto Sindaco Carlo Curioni riconfermato per 26 anni fino alla data della sua morte avvenuta nel 1918.
I suoi successori furono: Gaetano Mazzucchelli dal 1918 al 1920, Pietro Curioni dal 1920 al 1923, Cesare Sacconaghi dal 1923 al 1926.
Nel 1926 il regime fascista abolì le cariche elettive e istituì il Podestà, quale amministratore unico di nomina governativa.
I Sindaci del Comune di Cavaria con Premezzo dal 1945, a seguito della caduta del regime fascista e fino all'attuale mandato, furono:
Pietro Curioni dal 1945 al 1946
Ambrogio Bottini dal 1946 al 1948
Antonio Zeni dal 1948 al 1953
Alberto Croce dal 1953 al 1958
Goffredo Colombo dal 1958 al 1970
Francesco Caccia dal 1970 al 1974
Angelo Mazzucchelli dal 1974 al 1975
Antonio Colombo dal 1975 al 1980
Marino Vatteroni dal 1980 al 1985
Elio Valli dal 1985 al 1990
Flavio Colombo dal 1990 al 1994
Gian Mario Mercante dal 1994 al 2004
Ruggero Gervasio Busellato dal 2004 al 2009
 
Dal 2009 è Sindaco del Comune di Cavaria con Premezzo il sig. Alberto Tovaglieri.
 
Il Comune di Cavaria con Premezzo ha un proprio Stemma ed un proprio Gonfalone riconosciuti con Decreto in data 24 agosto 1954.
 
Fino agli inizi dell’anno 1985 la sede degli uffici comunali era in via Scipione Ronchetti. Dal 1° marzo 1985 il Comune ha sede in Via Mattia al civico 147.